Policlic n. 4

Scarica QUI la Rivista n. 4 di Policlic!

Policlic n. 4 tratteggia l’intreccio in continuo mutamento tra diritti e società. Un percorso che attraversa istruzione e riservatezza, divorzio e aborto, diritti dei lavoratori e tutela dei minori, incontrando una riflessione sul ruolo dell’intellettuale nell’attuale contesto sociale.

Infine, un’esclusiva intervista all’ex membro dei Sonic Youth Thurston Moore su musica, cultura e società in occasione della pubblicazione del suo ultimo album.

Di seguito, per una panoramica generale sul contenuto della rivista, si offre al lettore di Policlic una breve presentazione degli articoli pubblicati in questo nuovo numero.

A COSA SERVONO LE SCUOLE?
di Davide Rondoni

Le scuole riaprono dopo l’emergenza coronavirus, ma l’emergenza educativa non si è mai chiusa. Cosa significa “scuola” o “educazione”, oggi? Una riflessione sul modello formativo in un momento in cui le aule scolastiche dovrebbero essere più che mai veicolo di ri-creazione sociale.

I DIRITTI NEGATI DEI BAMBINI
Quali emergenze minacciano il futuro dei minori
di Alessandro Lugli

Il prossimo 20 novembre la Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia festeggerà il trentunesimo anniversario. Tuttavia, in molte zone dell’Africa, dell’Asia e del Sudamerica continuano a verificarsi gravi violazioni nei confronti dei bambini, mentre in Occidente sono sempre di più i minori che sprofondano in condizioni di povertà estrema.
L’articolo ha come obiettivo l’individuazione delle principali problematiche che minacciano il futuro dei più piccoli su scala globale e che mettono a repentaglio la realizzazione del diritto all’infanzia.

L’INTELLETTUALE, LA VIOLENZA E QUESTO MONDO IN BILICO
Appunti sull’intelletto umano e sul suo valore civile
di Francesco Finucci

Il dibattito sul ruolo dell’intellettuale è questione ormai nota e spesso abusata. Discuterne, però, rivela indicazioni importanti sulla centralità dell’intelletto e dei valori umani, sul rapporto tra scienza e mondanità, tra ricerca e violenza. Passando per Dante e Caparezza, Machiavelli e Zerocalcare, Maldonado e Bobbio, il testo mira a individuare gli elementi profondi di questo dibattito, tanto più vitale quando si inerpica nelle cicatrici di una umanità in crisi.

IL TROJAN NEL D.L. BONAFEDE
Intercettazioni tramite la rete o una rete di intercettazioni?
di Francesco Battista

Il primo settembre scorso, dopo un tortuoso iter normativo, è entrata in vigore la nuova disciplina dettata in tema d’intercettazioni.
La riforma, fortemente voluta dal ministro della Giustizia Bonafede, incentiva l’uso del trojan e allarga le maglie dei divieti in precedenza vigenti. A poco più di un secolo dalla prima intercettazione italiana, occorre domandarsi se novità tanto dirompenti siano compatibili col diritto alla riservatezza del singolo, garantito dall’articolo 15 della Costituzione.

20 MAGGIO 1970: I DIRITTI ENTRANO IN FABBRICA

Breve storia dello Statuto dei lavoratori
di Federico Paolini

L’articolo si pone l’obiettivo di tracciare il percorso storico-politico che ha portato allo Statuto dei lavoratori del 1970.
Partendo dall’azione di Giuseppe Di Vittorio, leader della CGIL, che nel 1952
presentò una risoluzione che avrebbe avuto il ruolo di piattaforma giuridica per i lavori del 1969, la strada per la riforma fa tappa sulle vicende del centrosinistra e soprattutto del cosiddetto “autunno
caldo”.

LA “NUOVA PORTA PIA”
I referendum sul divorzio e sull’aborto
di Emanuele Del Ferraro

Gli anni Settanta furono un decennio denso di cambiamenti per la società italiana, che visse importanti novità anche dal punto di vista legislativo. Tra le altre cose, proprio quel decennio fu segnato dall’approvazione delle leggi sul divorzio e sull’aborto, entrambe sottoposte poi a referendum abrogativo. L’articolo tratta della genesi dei referendum in questione, delle posizioni politiche in campo, dei risultati che sono usciti dalle urne e delle loro conseguenze.

SOCIETÀ E DENARO: DUE CONCETTI INSEPARABILI?
L’economia basata sulle risorse e l’utopia dell’architetto Jacque Fresco
di Riccardo Giannone

La società come la conosciamo, basata sui concetti di lavoro ed economia, potrebbe non essere l’unica via per una vita dignitosa e felice.
Ne è convinto l’ingegnere sociale Jacque Fresco, ideatore del “Venus Project”, un progetto utopistico che propone un nuovo modello di società in cui l’automazione provvederà totalmente alla produzione e distribuzione delle risorse e in cui i cittadini avranno come unico scopo la ricerca della propria felicità e della propria vocazione.

BY THE FIRE: RIFLESSIONI ATTORNO AL FUOCO DI THURSTON MOORE
Musica, politica, società e voglia di cambiamento
di Elias Fiore

Sono passati pochi giorni dall’uscita di By The Fire, il nuovo album del rocker statunitense (divenuto londinese “d’adozione”) Thurston Moore, con la sua etichetta discografica Daydream Library.
Abbiamo avuto modo di intervistare l’ex membro dei Sonic Youth per parlare della forza propulsiva trasmessa dal disco, ma anche per ascoltare le sue osservazioni sulla situazione politica e sociale che coinvolge il suo Paese natio.
Un ampio spazio riservato anche al percorso artistico personale di
Moore, alle sue ispirazioni e contaminazioni musicali.

Buona lettura!

LASCIA UN COMMENTO

Inserire commento
Inserire nome qui