Home Filosofia e Società

Filosofia e Società

Aspetto centrale di questa rubrica è lo scambio reciproco di saperi accompagnato dalla volontà di superare le barriere di autoreferenzialità che imbrigliano le conoscenze, promuovendo invece l’unicità e irripetibilità di "ricercatori del senso delle cose" e quindi, come è inevitabile, di amanti indefessi del sapere. Pertanto i nostri unici nemici sono i pregiudizi, le superficialità nonché ogni forma di dogmatismo e presunzioni personali. Nel nostro piccolo ci impegniamo a rendere operativo e sincero il motto socratico del "sapere di non sapere". Il successo di questo lavoro sarà dunque misurato dalla capacità di diffusione dei contenuti capaci di allargare e potenziare un autentico rapporto con la realtà, le sue sfide e i misteri. Ad una falsa certezza preferiamo un vero dubbio.

L’arte del distacco in un’epoca di crisi Il silenzio della solitudine rivela ai loro occhi Il vuoto del loro essere, ed essi vorrebbero fuggirlo (K. Gibran) Premessa La crisi economica che ha investito l’Europa e il mondo intero è divenuta occasione provvidenziale per interrogarsi sul malessere della mentalità contemporanea: smarrito l’orizzonte lavorativo, perduta una collocazione sociale stabile, erosa una quotidianità fatta di piccoli e...
La nostra epoca sembra così caratterizzata da superficialità, disinformazione e ignoranza diffuse che a stento qualcuno avrebbe l'ardire di definirla un'epoca adatta alla filosofia. La crisi della società e dei valori sembra inoltre portare l'umanità in un luogo inevitabilmente avverso alla riflessione filosofica. Eppure questo dato di fondo potrebbe essere problematizzato, e l'abisso nel quale siamo immersi richiedere quello...
Introduzione L’obiettivo del seguente articolo è riflettere filosoficamente sul tema della consapevolezza quale viene elaborato nella filosofia della scuola di Kyōto, sia in riferimento alla storia della filosofia occidentale sia alla millenaria tradizione del Buddhismo Zen. Uno dei caratteri più peculiari della modernità è il suo essere permeata dal problema del nichilismo, inteso come il venir meno dei valori e delle...
Alla ricerca dei maestri perduti Un lavoro qualunque per gente qualunque? Scriveva George Orwell che per vedere quello che abbiamo davanti al naso serve uno sforzo costante. Uno sforzo che la nostra società ha sostituito con l’avere, principio anestetico della coscienza moderna, votato all’efficientismo dell’utile e alla massimizzazione del profitto. Le recenti celebrazioni per il Primo Maggio, festa dei lavoratori,...
Nell’accostarci alla cosmogonia, la disciplina che si occupa di investigare le origini dell’universo nei vari contesti tradizionali e culturali, ci troveremo di fronte ad alcune costanti che potremmo definire sorprendenti, specie considerandole nella loro natura globale. Nel suo bel saggio breve, intitolato "Homo Superior" (tesi di laurea, Università di Sassari, 2007), il Dottor Nicholas Mur ci accompagna in un affascinante...
L’orrore Il 31 Ottobre 2010 usciva per la prima volta nelle televisioni americane la serie zombie horror The Walking Dead. Tra le prime sequenze della serie vi era una delle più potenti che possa ricordare nel mondo zombie horror, adeguatamente descritta dalla sua colonna sonora: “Mercy of the living” (“la misericordia dei viventi”) di Bear McCreary. Nella scena il protagonista Rick...
Introduzione (a cura di Vincenzo Martucci) Nei tempi correnti è più facile parlare senza pensare che pensare senza parlare, con tutte le terribili conseguenze che possono immaginarsi (oltre che rilevarsi). A ciò, la soluzione più scontata e che spesso viene proposta (e in alcuni casi accolta e adottata) è quella di limitare o impedire l'espressione delle opinioni riducendo magari gli spazi fisici,...
Le paure dell’età del terrore ricordano da vicino il discorso di Gramsci, l’idea cioè che tra un periodo storico che si conclude e uno in fase di avvento si generino i mostri. Ritorna così il discorso della circolarità triste dell’uomo tra progresso e regresso, pace e conflitto, il continuo pendolo invocato dai realisti come prova ultima della necessità di...
La paura e il cercarsi a vicenda in essa Un sano realismo vorrebbe probabilmente che la ricerca di un nuovo o rinnovato attivismo (tale si può definire per gli amanti del progresso in primis e successivamente per gli amanti della storia) fosse induttiva e non deduttiva; ricavata cioè dai fatti e non dalle parole e  dall’esplorazione dei mondi anziché del...
La Democrazia come potere del popolo: Rousseau e il Souverain Partendo dall’etimologia del termine, “Democrazia” appare come un termine inequivocabile del vocabolario politico: si tratterebbe inevitabilmente del potere/governo (kratos) del popolo (demos). Al di là delle varie scuole di pensiero, Democrazia rimanda infatti al concetto di “sovrano” espresso da Rousseau nel suo Du Contrat Social nel 1762: “si vede in questa...
error: Content is protected !!